Chi era Enzo? Perché ha lasciato il segno nella vita di così tanta gente? Perché i video che lo ritraggono su YouTube, a distanza di 20 anni, hanno ancora decine di migliaia di condivisioni e sono tradotti in molte lingue?

“Ho fatto tutto per essere felice” (BUR Rizzoli) è un viaggio tra l’Europa e gli Usa alla ricerca di testimonianze su Enzo e di risposte a queste domande.

Ma è anche l’occasione per affrontare interrogativi più vasti e di grande attualità, in un’epoca segnata dalla pandemia. Cosa significa essere un medico? Come stare di fronte al malato con una posizione umana che non si limiti a curare la malattia, ma abbia a cuore la persona e i suoi affetti?  Come fare i conti con il dolore e la morte, in ospedale e fuori?

Domande che Enzo non aveva mai avuto paura di affrontare, in sala operatoria, in università, nella vita pubblica o in famiglia. Le risposte le aveva date soprattutto con la testimonianza della sua vita, vissuta con un’intensità che ha lasciato il segno in tutti quelli che lo hanno incontrato. Un percorso cominciato nei primi anni Settanta incontrando una proposta cristiana in un luogo improbabile: un appartamento di Reggio Emilia che riuniva varie anime del mondo giovanile post-sessantottino, inclusi alcuni fondatori delle Brigate Rosse.

Nel libro, il percorso professionale di Enzo viaggia al ritmo frenetico della sua febbre di vita, che contagiò prima l’Emilia, poi l’Italia e vari luoghi nel mondo. Una storia personale che si intreccia con la storia recente del nostro Paese e con quella del movimento di Comunione e Liberazione. Una vicenda umana segnata dall’amicizia profonda tra Piccinini e don Luigi Giussani, conclusa da una tragedia che è diventata un nuovo inizio, il seme che ha fatto fiorire una scuola di medici e ricercatori ispirati dal “metodo Enzo”.

Il libro è basato su documenti della Fondazione Enzo Piccinini, lettere inedite, testimonianze pubbliche, pubblicazioni su Enzo diffuse in varie parti del mondo e soprattutto decine di interviste dell’autore ad amici, colleghi, familiari di pazienti del chirurgo, in Italia e all’estero. Tante voci raccolte nel corso di un anno segnato dal Covid, che ha offerto nuovi spunti di riflessione su ciò che l’approccio di Enzo alla medicina e alla vita può offrire ancora oggi a chi desideri per sé un’esistenza caratterizzata dalla scelta di “mettere il cuore in quello che si fa”.

L’autore

Marco Bardazzi, giornalista, saggista e comunicatore d’impresa, ha lavorato per Ansa, La Stampa ed Eni in Italia e negli Stati Uniti. Nel 2021 ha fondato la società Bea-Be a Media Company. Per Rizzoli ha scritto altri tre libri: “Sotto il Cielo d’America”, “Nella Vigna del Signore” (una biografia di Benedetto XVI) e “L’Ultima Notizia” (con Massimo Gaggi).

www.marcobardazzi.com

Marco Bardazzi

Ho fatto tutto per essere felice

Enzo Piccinini, storia di un insolito chirurgo

A ventidue anni dalla morte di Enzo Piccinini, mentre è in corso il processo di canonizzazione, Marco Bardazzi ci restituisce con questa biografia la passione e l’impegno della vita di questo straordinario medico.

In un giorno di maggio del 1999, settemila persone affollarono
la basilica di San Petronio a Bologna e la piazza antistante
per dare un ultimo saluto a Enzo Piccinini, chirurgo dell’ospedale Sant’Orsola scomparso tragicamente a 48 anni. Ma chi era questo giovane medico che era stato in grado di lasciare così profondamente il segno in talmente tante vite?

Chirurgo sui generis per gli anni in cui si avvia alla professione, Piccinini crede fermamente nella necessità di occuparsi dei pazienti in tutta la loro umanità: preoccupandosi dei loro affetti e aiutandoli di fronte al dolore e al timore della morte, come parte del proprio mandato. Una convinzione nata durante gli studi, destinata
a crescere negli anni attraverso l’amicizia con Luigi Giussani
e l’impegno nel movimento di Comunione e Liberazione, che lo porta ad accostare all’attività medica, riconosciuta nel mondo,
un instancabile lavoro di educazione e testimonianza per i più giovani. Oggi, la sua opera vive in una scuola di medici e ricercatori ispirati dal “metodo Enzo”, e nelle persone che lo
hanno conosciuto e ancora portano il segno di quell’incontro.
Una vita unica, che ha portato la Chiesa a proclamarlo “servo
di Dio” e ad avviare un processo di canonizzazione.
Ho fatto tutto per essere felice è un racconto emozionante che insegna cosa significa vivere, come diceva Enzo, “mettendo
il cuore in quello che si fa”.

In libreria dal 18 Maggio 2021

È possibile acquistare il libro presso questi rivenditori ed in ogni libreria in tutta italia

Segui le presentazioni

Canale youtube

Pagina Facebook

Associazione Italiana Centri Culturali

Prossimi Eventi

Recensioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed do eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullamco laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Duis aute irure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.

Nome + CognomeGiornalista del corriere

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed do eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullamco laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Duis aute irure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.

Nome 2 + Cognome 2giornalista Repubblica

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisci elit, sed do eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrum exercitationem ullamco laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur. Duis aute irure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.

Nome 3 + Cognome 3Giornalista di Tracce

Un Brano del Libro

Dal Capitolo 2

«Novità?»

La chiamata arrivava a qualsiasi ora del giorno e della notte. La voce era sempre la stessa, vigorosa, impaziente, senza accenni di stanchezza. E il dialogo cominciava con una parola che era diventata una formula fissa: «Novità?». L’esordio telefonico con cui Enzo sfidava tutti quelli a cui voleva bene. Come dire: «Che è successo nel mondo, nel tuo mondo, nella tua vita? Mi interessa, è decisivo anche per la mia!».

Non importa se, come raccontano praticamente tutti quelli che lo hanno conosciuto, era stato con te fino a poco prima. Poteva averti salutato alle due di notte, dopo una serata bolognese e gucciniana passata a discutere di politica e di amicizia, accompagnata da buon cibo, buone bevute e sigari toscani, e alle sette già squillava il telefono: «Novità?».

C’era chi, con voce impastata dal sonno, sentiva la tentazione di raccontargli almeno un sogno appena fatto, sentendosi quasi in colpa per non avere esperienze significative da condividere avvenute nel corso della notte.

Ma c’era anche chi a quella domanda, ripetuta più e più volte nel corso della giornata, aveva sempre qualcosa da rispondere. Erano i giovani medici del suo team al Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna, che di «novità» ne avevano sempre qualcuna, giorno e notte. Perché in quel 1999 in cui Enzo li avrebbe lasciati per sempre erano ormai diventati un punto di riferimento per centinaia, migliaia di persone a livello nazionale.

Ultime News sul libro

© FONDAZIONE ENZO PICCININI Via Fermo Corni, 114 - 41126 Modena - CF 94104210367